Finalmente anche in Italia! date un'occhiata:

domenica 10 luglio 2011

Un altro sgrunt...

Rimasta fuori dal mondo del lavoro per qualche tempo, tentare di rientrarci dopo la crisi economica - che, ricordiamocelo, è finita.... almeno questa è l'idea che "qualcuno" cerca di vendere per vera - non è cosa semplice. Ne fanno quotidianamente esperienza tanto i giovani alla ricerca del primo impiego, quanto padri di famiglia che devono fare i conti con l'incubi quali cassa integrazione, riduzione del personale, fallimenti d'aziende e quant'altro. Per le donne che non possono più vantare il "bollino blu ciquita", ovvero la definizione di neo-diplomate o neo-laureate le cose sembrano essere ancora più complicate. I posti di lavoro che sembrano disponibili sembrano non essere inquadrabili in un contratto di lavoro a tempo indeterminato, il part time è una leggenda metropolitana, e le esperienze maturate sembrano solo carta straccia.
Per chi ha voglia di darsi da fare qualcosa lo si trova, è vero. Sotto pagato, e molto al di sotto del proprio titolo di studio e bagaglio pregresso, ma va bene anche così, pur di avere un'entrata economica.
Quel che mi fa tristezza è vedere come la figura della donna, per quante risorse abbia dimostrato di possedere, ancora venga confezionata in due categorie dalla tv: o bamboletta semisvestita o maga dello straccio.
A far sussultare la mia vena polemica sempre pulsante è stato lo spot di un noto prodotto per le pulizie, presente credo in quasi tutte le case, e vi rimando all'attenzione di questo blog che ne ha già parlato: http://giovannacosenza.
Qualcuno mi deve spiegare perchè proprio una donna doveva essere l'unica in grado di riuscire nell'impresa. E se la prova per vincere la corona doveva essere la pulizia del pentolone, mi dite perchè la scema si doveva prendere anche la briga di pulire la cucina e il bagno del castello prima di potersi sedere sul trono?

Ok, se una rondine non fa primavera è pur vero che un solo spot non può bastare a tacciare di maschilismo la pubblicità.
Vediamo un po'. E la pubblicità dei miracolosi panni usa e getta (un fugace pensiero alla quantità di rifiuti che promuovono anzichè abbattere)? perchè la guerra alla palla di polvere la deve combattere sempre e comunque una donna? L'apoteosi è stato "l'episodio in cui la famiglia comodamente sprofondata sul divano viene disturbata dal campanello di casa. Lui si alza e va ad aprire, poi torna in soggiorno e dice alla compagna: "è per te..." e ovviamente si tratta della palla di cui sopra... E' PER TEE??? MA PERCHE'? ovviamente lui si risprofonda sul divano a giocare coi figli mentre lei va di ramazza...
E quella schiera di fan scatenate della "schiumina rosa" che fa miracoli? O le agenti speciali in gonnella che escono dal laboratorio delle innovazioni tecnologiche più all'avanguardia... per le pulizie? a loro il compito di collaudare di volta in volta strepitosi guanti che non fanno sudare le mani (devono presentarsi impeccabilmente morbide e curate al proprio partner dopo una giornata di pulizie a oltranza...), turbo-scopini per il water auto igienizzanti, e avanzatissimi parrucchini di spugna per tirare a lucido anche i pavimenti più zozzi...

Per fortuna che dopo tanta desolazione c'è un riccioluto e sorridente ragazzone a preoccuparsi di pulire tutto il bagno con l'anticalcare per far bella figura con mammà in visita... a lui il merito di aver liberato dai ceppi tutte le donne incatenate al ruolo di casalinga alla Marion Cunningham ormai decisamente sbiadito e fuori moda.
Nel 2011 credevo fossimo giunti alla consapevolezza della necessità di una collaborazione a tutto tondo, dove alla fine di una giornata lavorativa le coppie si ritrovano in una casa e senza bisogno di battaglie feroci ci si alterni alla preparazione della cena e della pulizia del bagno o dei pavimenti...
Se una donna può essere imprenditrice al pari di un uomo, perchè un uomo non può essere in grado di rifare un letto al pari di una donna?

11 commenti:

cinziaxxx ha detto...

ti chiedi perchè le donne puliscono. Molto semplice , perchè gli uomini sono rimasti all'età della pietra dove si viveva in mezzo allo sporco e con gli animali. Ma i pubblcitari, uomini, sono convinti che loro vivono nel futuro dove è inutile pulire. Lasciamogli credere quello che vogliono noi vivremo sempre ad un metro di altezza in più rispetto alla loro terra.Tu ci vedi un uomo che dopo 8 ore di lavoro ha ancora l'energia di pulire casa preparare la cena controllare i figli e dedicarsi a degli hobby. io no.
Ciao Cinzia

Tilly ha detto...

Le tue sono sante parole.
E per fortuna nella realtà non è sempre detto che sia così.. tra me e il mio consorte si parla di tempo a disposizione, non tanto di mansioni. Ognuno fa quel che può. Ad esempio lui stira molto più di me!!
In bocca al lupo per il rientro!

Federica ha detto...

* CINZIAXXX: che noi donne sappiamo veleggiare un metro sopra la testa degli uomini è risaputo. Però troppo spesso ci tocca anche pulire a terra dove sempre gli stessi sporcano. E loro sanno solo guardare fisso avanti, come i coccodrilli, che nonostante i milioni di anni l'evoluzione non li ha nemmeno sfiorati, e restano incapaci di guardare in su, in giù, a destra e a sinistra...
Ahahah, ora che ci penso: l'evoluzione ha lasciato pure un cervellino grande come un wurstelino ai coccodrilli, nonostante possano misurare anche 5 metri... sarà mica lo stesso per "certi" uomini?!
Quanto alle energie residue a fine giornata... sospetto sia solo una gran bella scusa, perchè se gli amici chiamano per una partita di calcetto e birra le energie le trovano eccome...

* TILLY: come tutte le regole per fortuna esistono le felici eccezioni, son contenta che una di queste sia capitata a te. Io non mi lamento: dentro casa il massimo che posso aspettarmi da mio marito è una passatina fugace d'aspirapolvere e in caso di cataclisma una spazzata col mocio... in compenso non devo mai pormi il problema di una qualsiasi riparazione, della cura dell'orto, e della spazzatura! direi un buon compromesso

Lucy ha detto...

...perché non ne sono capaci, semplice! ;-)
ps: bentornata!

carmen - IRossi ha detto...

. . . sto tentando di trovare il tempo anche di rigirovagare tra i blog, leggendo il tuo post . . . mi chiedo sempre piu' insistentemente . . . ma chi le "studia" queste pubblicita'???
ciao Carmen

Federica ha detto...

* LUCY: altra gran bella scusa. Non credo che tu, al pari di ogni altra donna, sia nata col vetril in una mano e un ferro da stiro nell'altra. Come abbiamo imparato noi portatrici sane di ovaie, possono imparare pure gli esemplari dotati di gonadi esterne... son solo più bravi a scantonare...
p.s.: grazie ^^

* CARMEN: secondo me qualcuno che passa troppo tempo in ufficio e troppo poco nella vita "vera"... è un piacere riaverti da queste parti!!

Luz ha detto...

Tesoro mio ma che bel post!!!
Non aggiungo niente, nemmeno una virgola, perché tu hai detto tutto, ma proprio tutto quello che penso io e tante, tantissime donne come me e te.
Ce la faremo, stringiamo i denti e andiamo avanti con le nostre lotte di sempre, non cediamo nemmeno di un centimetro.
Io, fino all'ultimo respiro, continuerò a lottare con e per le donne.

Federica ha detto...

* LUZ: carissima... grazie infinite per il tuo apprezzamento... ma quanto sono stancanti tutte queste battaglie... porteranno mai a qualcosa di buono? ci guadagneremo mai un minimo di credito, o saremo nei secoli costrette nel ruolo di sguattera o puttana?... personalmente ho conosciuto in prima persona una donna che di professione fa l'idraulico, trattata come una povera imbecille dai fornitori, ma che invece il suo lavoro lo sa fare al pari di chiunque altro. Ma non ho mai e sottolineo MAI conosciuto un uomo che facesse il colf o il badante...

Anonimo ha detto...

Ciaooooooo Fedeeeeeee!!!!

Claudia
blog.libero.it/claudiasconer

Anonimo ha detto...

Ciao e complimenti per il tuo bellissimo blog!sono tua sostenitrice!!ciaoo
www.fantalela.blogspot.com

Anonimo ha detto...

Hey Fede!!! Che fine hai fatto????
Baci!!
blog.libero.it/claudiasconer

Se vi interessano le mie creazioni:
federicabasso17@libero.it